facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
The M. Point

28 settembre 2016

La vigna di Angelica

«Tu mi suggerisci di riflettere ma non riuscirei mai a tenere in piedi il mio matrimonio per il quieto vivere. Non posso e non voglio ingannare me stessa e gli altri. Ho solo trentacinque anni e ho diritto di avere un uomo che ami solamente me, e me lo dimostri ogni giorno. Non sono disposta a tollerare l’inganno».

TITOLO: La vigna di Angelica

AUTORE: Sveva Casati Modignani

CASA EDITRICE: Sperling & Kupfer​

ANNO: 2015

DOVE ACQUISTARLOIBS, AMAZON, SPERLING&KUPFER

PER CHI: per

QUANDO LEGGERLO

ISPIRAZIONI:

È arrivata. L’ultima, attesa fatica di Sveva Casati Modignani è finalmente arrivata in libreria. 
Autrice amatissima della narrativa contemporanea, i suoi libri sono stati tradotti in più di venti Paesi. E, leggendo La vigna di Angelica, capiamo ancora una volta perché. 
La protagonista di carta – ma così vera e vicina da sembrare una nostra amica, sorella, madre – è Angelica Brugliani, carismatica trentacinquenne nata e cresciuta tra i vigneti bresciani. Fieramente moglie del giornalista Raffaello Rovesti, madre dell’adolescente Elisabetta e proprietaria delle prestigiose cantine Brugliani, Angelica riesce – almeno apparentemente – a tenere insieme il lavoro, l’amore e la famiglia. Vive nella bellissima villa di famiglia a Borgofranco, circondata da vigne meravigliose, vasti possedimenti e domestici fedeli. Ma, come spesso accade, la perfezione si incrina.
Comincia a ricevere messaggi anonimi, che la informano che il marito ha un’amante… Anche una donna forte come lei può cedere, e una sera, mentre è in sella alla sua moto, il casco si annebbia dal pianto e Angelica non si accorge che l’auto davanti a lei sta frenando. L’incidente è inevitabile. Ma l’angelo custode che la salva, scoprirà lei come in un sogno, è Tancredi D’Azaro, star della cucina internazionale e ça vans a dire, charmant, colto e ombroso. Forse la possibilità di cambiare è davvero vicina…
Un ritratto raffinato di una donna contemporanea e forte: di una donna che si mette le scarpe col tacco ma va in motocicletta, che sa scegliere, piena di sogni ma saldamente ancorata alla terra. Un’altra grande protagonista che ci porta nel mondo delle due – tra le tante – eccellenze italiane: il vino e il cibo. Non per niente, racconta l’autrice, per scrivere di Angelica e Tancredi ha tenuto lunghe e frizzanti conversazioni nientemeno che con Pia Donati Berlucchi, Cesare Ferrari, Massimo Bottura, Gualtiero Marchesi e Antonino Cannavacciuolo.  
L’ultimo romanzo di Sveva Casati Modigliani è una lettura incalzante, affascinante e avvincente: un inno alla forza delle donne, alla capacità tutta femminile di risorgere sempre e di essere d’ispirazione. 
Una grandiosa epopea familiare in cui tutti noi – uomini e donne – possiamo rispecchiarci.​



Recensione pubblicata anche su Ibs

Se siete interessati, potete trovare il libro a questi link: IBS, AMAZON, SPERLING

Ti ringraziamo per aver letto il nostro post.

Mi raccomando. Seguici su:


facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
DSC_2148 copia

Martina


Filosofa, manager, sommelier e bonvivant.

Amo allo stesso modo i libri e le maschere di tessuto.


Il mio hashtag: #nonsonomaitroppepagine

THE M. POINT


Se vi va, registratevi alla nostra NEWSLETTER

(tranquilli, niente spam :D)

© 2016 The M. Point. All rights reserved.

Create a website