facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
The M. Point

marzo 2014

ISRAELE - Gerusalemme - giorno 5

     Siamo partiti alle 8 per Gerusalemme, dove abbiamo iniziato la visita della città vecchia, entrando attraverso la Porta di Damasco. Si passa per i suk (il suk, o suq, è il mercato, a tratti chiuso a tratta aperto, che si trova in moltissime città, soprattutto islamiche), che ho trovato diverso da quello marocchino, ossia più pacato e tranquillo, e si arriva nel quartiere ebraico. Qui sorge il muro del pianto: si tratta del muro di cinta del secondo Tempio di Gerusalemme, fatto costruire da Erode, per delimitare il monte e allargare in alto la spianata. Il primo Tempio, secondo la Bibbia, è quello di Salomone, allargato successivamente. Il muro del pianto è un luogo più sacro dell’ebraismo, dove si ritirano a pregare e dove mettono nelle fessure tra le pietre dei foglietti con scritte le loro preghiere. Vicino si trova una biblioteca, all’interno della quale è custodita la Torah, e dove i bambini ebrei vengono iniziati. È stato bello assistere ad un loro momento di gioco per una foto all’interno.

Spostandoci verso l’interno della città siamo passati vicino ai resti dell’antico Cardo, asse romano che tagliava la città in direzione nord-sud, per arrivare alla Chiesa della Dormizione, dove si è addormentata Maria, per poi essere seppellita fuori dalle mura, ed essere ascesa.

Abbiamo visitato il Monte Sion, dove si trova il Cenacolo, il luogo dell’ultima cena, posseduto per un lungo periodo dagli islamici e solo da 50 anni tornato nelle mani del popolo di Israele. In questo luogo sono stati istituiti l'eucarestia e il sacerdozio, e non è possibile celebrarvi qui proprio l'eucarestia (solo il Papa ha potuto farlo nel 2000).

Pranzo nel quartiere armeno, dove per caso sono entrato in una corte, dove ho visto una bellissima rappresentazione di Maria con il bambino in braccio, diversa dal solito per i colori della veste.

Dopo pranzo, ci siamo spostati a Gethsemane, piccolo uliveto fuori la parte vecchia di Gerusalemme sul Monte degli Ulivi, nel quale si ritirò Gesù prima di essere tradito da Giuda e catturato. Infatti qui sorgono la grotta della Cattura, l’Orto degli Ulivi e la Basilica dell’Agonia. 

Per concludere ci siamo recati alla Basilica del Santo Sepolcro, chiesa cristiana costruita sul luogo della crocifissione, unzione, sepoltura e resurrezione di Gesù, situata alla fine della Via Dolorosa, (ossia la via percorsa da Gesù con la croce, dove si svolge la Via Crucis). La chiesa ingloba la collina del Golgota, luogo dove è avvenuta la crocifissione e la sepoltura. Dietro infatti si trovava una cava in cui sono stati recuperati i resti della croce di legno, e lungo la parete troviamo i simboli delle croce di epoca crociata. Oggi questa chiesa è la sede del Patriarcato ortodosso di Gerusalemme; essa è costudita dai Francescani, dai Greci-Ortodossi e dagli Armani. Abbiamo assistito alle 19.30 alla chiusura della Basilica.

Ti ringraziamo per aver letto il nostro post.

Mi raccomando. Seguici su:


facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
14502714_1238530702876878_5241323339603667039_n

Martina & Matteo

Amanti dell'avventura. Viaggiare è scoprire una nuova cultura, un nuovo modo di vivere, una nuova cucina e delle persone meravigliose.

Di giorno lavoriamo, di notte sogniamo.


Il nostro hashtag: #TRAVELLING_is_life

POST CORRELATI

1476045459155.jpg1476045511737.jpg1476045311428.JPG

THE M. POINT


Se vi va, registratevi alla nostra NEWSLETTER

(tranquilli, niente spam :D)


© 2017 The M. Point. All rights reserved.

Create a website